Acquista Online Prodotti Tipici Valdiverdura

Introduzione della coltura dell'olivo nel territorio di Ribera

athena ulivo

La pianta di olivo, da cui deriva uno dei più preziosi ingredienti della cucina mediterranea, l'olio extra vergine di oliva, ha origini molto remote ed è riconducibile alla mitologia greca, allorquando Zeus dovendo dare  un sovrano alla città di Atene, scelse Atena, che portò come dono un  ramoscello d'olivo come simbolo di pace rispetto al cavallo bianco di Poseidone , considerato come simbolo di guerra.

La coltivazione dell'olivo in Sicilia si fa risalire al secolo XVI A.C. allorquando i Fenici , nella loro migrazione verso la Grecia e le isole dell'Egeo, ne diffusero la coltivazione nell'Asia minore,in Egitto e in Libia, e di qui sicuramente in Sicilia tra il IV e l'VIII sec. A.C.  La sperimentazione e la divulgazione della tecnica di coltivazione della pianta e le prime rudimentali metodologie di estrazione dell'olio sono riconducibili al mito di Aristeo, divinità agro pastorale,molto venerato dalle antiche popolazioni sicule.

Si ebbe, successivamente, una maggiore diffusione  durante l'Impero Romano mentre la coltivazione subisce una flessione durante la dominazione araba a vantaggio degli agrumi. Nel medioevo si ebbe un graduale ripopolamento  delle zone olivicole ed un notevole rilancio del commercio dell'olio.

Lo sviluppo della coltivazione della pianta d''olivo va di pari passo al significato e all'uso che se ne è fatto nel tempo; gli antichi Greci considerarono l'olio come ingrediente per uso alimentare e come unguento o idratante per il corpo; i Romani diedero una valenza medicamentosa ; nel corso dei secoli comunque l'olio ha  confermato la sua valenza nutrizionale, rivalutata oggi dall'uso imprescindibile nella cucina mediterranea.